Blog di Fatevi Cucinare da Francesca

Vai ai contenuti

Menu principale:

Riciclando una fregatura

Pubblicato da Francesca in Ricette · 06/08/2012 20.26.09
Tags: bisteccamacellaiosardegnamirtos.teodoroossoriciclo

Oramai a S. Teodoro siamo di casa, io vado lì in vacanza da 20 anni e David da 7.

Abbiamo la fortuna di conoscere un po' di gente che vive e lavora lì quindi sappiamo dove andare a cena, dove andare a fare un aperitivo, le spiagge giuste per quando tira vento e, soprattutto, dove andare a fare la spesa per evitare le fregature da turisti.

La prima sera siamo andati dal nostro macellaio di fiducia e abbiamo preso una porzione di porceddu veramente ottima. In vetrina avevo adocchiato un pezzo di bistecca che faceva gola solo a guardarlo così siamo tornati a riprenderla qualche giorno dopo, e per l’occasione abbiamo invitato Gavina, la nostra vicina di casa.

Siamo andati a comprare il carbone (quello vero) e una buona bottiglia di Cannonau, David ha preparato il barbecue ed io qualche antipastino e le patate al forno.

Quando la brace era bella rossa ho aperto il pacchetto della bistecca …

NOOOOOOOO quel disgraziato c’ ha levato l’osso!!!!!!!

Ma come fai a levare l’osso da una bistecca di 2 kg che stai servendo a dei toscani!!!!!

Era tutto il giorno che promettevo l’osso a Muttley… ci è rimasto male pure lui poverino!

Cmq l’aspetto era veramente bello così abbiamo cominciato a cuocerla.

10 minuti da una parte… 10 minuti dall’altra… i 10 minuti sull’osso ovviamente non abbiamo potuto farli ma la cottura era perfetta…. Cominciamo a mangiare e …

Gnam gnam gnam … em…. Forse c’è qualcosa che non va…. Gnam gnam gnam… ma no dai, Orlando non può averci tirato una fregatura… gnam gnam gnam e porca l’oca se ce l’ha tirata!!! La bistecca è inmangiabile. Cresce in bocca che sembra pagata! Riusciamo a mala pena a finire il filetto.

Che rabbia, non potete capire! Mi ci andava proprio un po’ di ciccia. E per di più son 2 kg di roba, buttarla è un peccato.

La domanda nasce spontanea: e ora che ci faccio??

Il giorno dopo mi metto all’opera:
in una padella sfriggo aglio, cipolla, prezzemolo e peperoncino



Ci aggiungo i pomodori che sono avanzati dalle bruschette (perché in cucina non si butta via mai nulla… o almeno ci si prova)



Taglio la carne a cubetti, come per fare uno spezzatino



e la butto in padella. Bagno il tutto con brodo e mirto (l’ingrediente segreto) e faccio cuocere un oretta, aggiungendo brodo quando è evaporato.



Non è servito a niente… lo so, avrei dovuto farla cuocere di più, ma oh… ero in ferie! Non potevo mica stare tutto il giorno ai fornelli!

Però non mi sono abbattuta! Dovevo vincere io! Anche perché la carne faceva schifo, ma il sugo era godurioso!

Il giorno dopo ancora ho preso la carne, l’ho pulita bene dal sughetto e l’ho messa a bollire in una pentola con l’acqua.

In questo modo ho ottenuto due cose:

1. La carne è bella pulita e la posso dare al bubo… che bello avere il cane che mangia i disastri ;)

2.  Ho ottenuto una specie di brodo in cui cuocere il riso!

Ed è quello che ho fatto, condendolo con il sugo che avevo “strizzato” dallo spezzatino!

Una fregatura… due modi di riciclarla…






Nessun commento

 
Torna ai contenuti | Torna al menu